Credito d’imposta per acquisto di nuovi registratori di cassa

credito-dimposta-per-acquisto-di-nuovi-registratori-di-cassa
Credito d’imposta per acquisto di nuovi registratori di cassa

La legge di Bilancio 2019 (L. 145/2018) ha apportato modifiche al credito d’imposta per acquisto di nuovi registratori di cassa introdotto dal collegato fiscale.
In particolare, con il D.L.119/2018 è stato previsto un contributo da attribuire a quei soggetti che si adopereranno nel 2019 e 2020 a rendere i propri registratori di cassa idonei a poter memorizzare e trasmettere i corrispettivi all’Amministrazione finanziaria. Il contributo previsto, sotto forma di credito d’imposta, è pari al 50% della spesa sostenuta per l’acquisto di uno strumento nuovo, con un tetto massimo di 250 euro; in caso di modifica ad uno strumento
già nella disponibilità del contribuente, il contributo massimo riconosciuto è pari a 50 euro per ogni strumento.

Quindi:

  • Acquisto Registratore Telematico Nativo – recupero del 50% dell’investimento fino a 250 Euro di massimale
  • Upgrade Misuratore Fiscale in Registratore Telematico – recupero del 50% dell’investimento fino a 50 Euro di massimale

Il contributo viene riconosciuto all’utilizzatore finale del dispositivo RT.

Condizioni e modalità di compensazione

Per poter accedere alla compensazione dell’IVA, e quindi al credito d’imposta per acquisto di nuovi registratori di cassa, la vendita del materiale inerente al RT (Upgrade o dispositivo nativo) deve essere fatturato con riferimento alla/e matricola/e dei dispositivi ceduti. Il pagamento dei beni deve essere tracciabile.
L’utilizzo del credito è consentito a decorrere dalla prima liquidazione periodica dell’IVA successiva al periodo in cui è stata registrata la fattura relativa all’acquisto o dall’adattamento degli strumenti già in uso.
La condizione di pagamento del materiale non influisce nel processo di utilizzo del credito, il pagamento può anche essere rateizzato/dilazionato rispetto alla data fattura. In sede di compilazione del modello F24 per la liquidazione occorre indicare in compensazione IVA l’investimento sostenuto in ambito RT tramite apposito Codice Tributo (al momento ancora non definito dall’AE).

Ti sei perso le scorse puntate sui registratori telematici?
Eccole:

Vuoi saperne di più sui Registratori Telematici? Scarica il white paper!

Vuoi scaricare il White Paper? Compila il form!

Nome *

Cognome *

Società *

Ruolo *

Indirizzo Email *

Telefono *

Link per visionare Informativa Privacy per Moduli di Contatto e Newsletter





pierluigi-terzoli

Pierluigi Terzoli
Product Manager Retail Negoziando – Gruppo Sme.UP
My LinkedIn Profile


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *