Fatturazione elettronica: ultimi chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate

chiarimenti-agenzia-delle-entrate-su-FE

L’Agenzia delle Entrate nei giorni scorsi è intervenuta sul tema della fatturazione elettronica all’interno di un incontro promosso dal consiglio nazionale dei dottori commercialisti.

Questi i punti principali su cui è intervenuta:

  • Autofatture: l’unica tipologia si autofattura per la quale va indicato come tipologia documento il codice TD20 è l’autofattura spia. Per tutte le altre tipologie di fatture che è obbligatorio comunicare (omaggi, autoconsumi interni e prelievi da depositi IVA) il file XML dovrà riportare come tipologia documento il codice TD01
  • Fatture 2018 ricevute in gennaio: le fatture ricevute a gennaio (anche via PEC) datate 2018 possono essere analogiche e, quindi, non è necessario richiedere il documento elettronico delle stesse. La registrazione e detrazione di questi documenti, però, non potrà essere effettuata nel 2018 ma dovrà rientrare nel mese di gennaio 2019.
  • Fatture immediate: per le fatture immediate la data da indicare come data fattura è la data effettuazione dell’operazione. Questi documenti possono essere inviati allo SDI entro la liquidazione del mese di effettuazione dell’operazione. Quindi la fattura di un pagamento ricevuto il 10/01/19 dovrà avere data 10/01/19 e potrà essere inviata entro il 16/02/19
  • Fatture differite: per le fatture differite la data da indicare come data fattura è la data di trasmissione al Sdi. Questi documenti possono essere datati e inviati allo SDI entro la liquidazione del mese di effettuazione dell’operazione. Quindi la fattura delle spedizioni di gennaio dovrà riportare come data fattura la data in cui fisicamente viene effettuato l’invio al Sdi. Questa data potrà essere compresa tra il 31/01/19 e il 15/02/19.

Ricordiamo che questi chiarimenti rappresentano solo delle risposte fornite dall’Agenzia all’interno di un incontro con i dottori commercialisti. Per questo motivo non hanno nessun potere normativo ma rappresentano un mero consiglio fornito dal soggetto che in quel momento rappresentava l’Agenzia all’interno del convegno. Vi suggeriamo quindi di confrontarvi sempre con il vostro fiscalista per definire nel dettaglio le vostre procedure interne.


simona-bonomi

Simona Bonomi
Specialista Fatturazione elettronica e Product Manager ERP AFC – Gruppo Sme.UP
My LinkedIn Profile


Comments

  1. Ma l’iva delle fatture differite quando va versata?
    La fattura delle spedizioni di gennaio, datata il 10/02/2019, spedita allo sdi il 10/02/2019, avrà competenza iva 16/02/2019 o 16/03/2019?

    Le fatture ricevute in febbraio con data 31/01, si possono registrare con data 31/01? E la competenza iva?

    • Francesca Manocchi : Gennaio 21, 2019 at 11:19 am

      Buongiorno Giovanna,

      Rispondiamo di seguito alle Sue domande:
      Ma l’iva delle fatture differite quando va versata? La fattura delle spedizioni di gennaio, datata il 10/02/2019, spedita allo sdi il 10/02/2019, avrà competenza iva 16/02/2019 o 16/03/2019?
      Risposta: Iva versata su gennaio perché la data effettuazione operazione è gennaio (quindi versamento entro il 16/02).
      Le fatture ricevute in febbraio con data 31/01, si possono registrare con data 31/01? E la competenza iva?
      Risposta: No dovranno essere registrate in febbraio con data competenza iva gennaio. La data comptenza iva è forzabile sulla testata della registrazione contabile

      La invitiamo per ogni dubbio o domanda sulla Fatturazione elettronica a scrivere all’apposito servizio di Help Desk: helpfe@smeup.com.

      Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *