Gruppo Iva 2019

gruppo-iva

La legge di bilancio 2017 ha previsto che, a partire dal 2018, i soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato possano divenire un unico soggetto passivo ai fini Iva, in forza di un’opzione esercitata dai medesimi. Con il decreto del ministero delle economia e finanze del 6 aprile 2018 è stata data attuazione alla legge stessa che, a sua volta, aveva trasporto nell’ordinamento nazionale le regole europee sul gruppo IVA (direttiva 2006/112/CE).

Grazie al decreto è ora possibile valutare tutte le caratteristiche e gli impatti che il regime introduce.

Vediamo prima di tutto come aderire al regime. Per la costituzione del gruppo Iva, che si può realizzare solo tra soggetti passivi d’imposta stabiliti in Italia tra i quali sussistono congiuntamente vincoli finanziari, economici e organizzativi, il rappresentante del gruppo deve presentare in via telematica una dichiarazione sottoscritta da tutti i partecipanti del gruppo. Tale dichiarazione va presentata, con le stesse modalità, anche in caso di inclusione successiva di ulteriori partecipanti ovvero in caso di revoca dell’opzione ovvero in caso di qualsiasi altra variazione che riguardi la composizione del gruppo.

In sede di prima applicazione la dichiarazione per la costituzione del Gruppo Iva ha effetto dall’anno 2019 e deve essere presentata entro il 15 novembre 2018.

Veniamo ora alle caratteristiche del nuovo regime. Al Gruppo Iva è attribuito un unico numero di partita Iva a cui è associato ciascun partecipante. Le singole società, quindi, manterranno la loro ragione sociale e il loro codice fiscale ma a livello di partita IVA saranno identificate da un unico codice.

Il Gruppo Iva assume tutti gli obblighi e i diritti previsti dalla disciplina Iva con riguardo alle operazioni per cui l’imposta diventa esigibile, o il diritto alla detrazione diventa esercitabile, a partire dalla data in cui ha effetto l’opzione per la sua costituzione. Tra questi si ricorda tra l’altro il diritto del gruppo Iva di acquistare beni e servizi con utilizzo del plafond Iva (art. 8 comma 2 del Dpr 633/72) anche se tale plafond sia stato maturato dai singoli partecipanti nell’anno precedente l’ingresso nel gruppo stesso. Analogo diritto spetta ai partecipanti, a seguito della cessazione del Gruppo Iva in proporzione, però, alle operazioni, a ciascuno di essi riferibili, che ne hanno determinato il presupposto.

Le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate dal Gruppo sono documentate mediante fattura (o, a seconda dei casi, con le modalità di volta in volta previste dalla disciplina Iva) emessa dal rappresentante o da uno dei partecipanti. Sulla fattura devono essere indicati la partita Iva del gruppo e il codice fiscale del soggetto partecipante che ha realizzato l’operazione. Proprio in relazione alla fatturazione del gruppo Iva a terzi, l’art. 3 del Decreto 10 aprile 2018, stabilisce che la fattura deve contenere oltre alla partita Iva del Gruppo, anche il codice fiscale del soggetto partecipante che ha realizzato l’operazione.

Per le operazioni passive che il gruppo realizza il rappresentante del gruppo o i partecipanti devono provvedere a comunicare ai fornitori la partita iva del gruppo e il codice fiscale del singolo acquirente/committente.
La registrazione delle operazioni deve avvenire a cura del rappresentante del gruppo ovvero dei singoli partecipanti anche mediante l’adozione di appositi sezionali. Una regola particolare riguarda la gestione dei versamenti e dei crediti. In effetti, ai fini del versamento d’imposta a debito non è ammessa la compensazione orizzontale (art. 17 Dlgs 241/97) con i crediti relativi ad altre imposte e contributi maturati dal partecipante del gruppo. Allo stesso modo il credito Iva annuale o infrannuale maturato dal gruppo Iva non può essere utilizzato in compensazione orizzontale con altre imposte e contributi dei partecipanti.

Importante la previsione secondo cui le operazioni effettuate tra i soggetti partecipanti al Gruppo non sono considerate cessioni di beni e prestazioni di servizi. Tuttavia le stesse vanno inserite nelle scritture contabili diverse dai registri Iva.


simona-bonomi

Simona Bonomi
Specialista Fatturazione elettronica e Product Manager ERP AFC – Gruppo Sme.UP
My LinkedIn Profile


Comments

  1. Relativamente alle fatture attive, anche in questo caso è obbligatorio l’utilizzo di sezionali diversi per ciascun partecipante del gruppo? Grazie in anticipo.

    • Francesca Manocchi : Febbraio 11, 2019 at 12:43 pm

      Buongiorno, da una lettura della normativa, sembrerebbe che ciascun partecipante del Gruppo debba documentare le cessioni di beni e le prestazioni di servizi indicando nelle fatture attive, oltre al numero di p. iva del Gruppo, anche il proprio codice fiscale in qualità di soggetto partecipante e che ha materialmente realizzato l’operazione. Sul lato passivo, ciascun partecipante dovrà comunicare ai propri fornitori la p. iva del Gruppo e il proprio codice fiscale. Il rappresentante del Gruppo iva o ciascun partecipante al Gruppo potrà effettuare registrazioni ai fini iva anche mediante l’adozione di appositi registri sezionali, mentre la liquidazione periodica è a carico del solo rappresentante del Gruppo.
      Si può quindi ipotizzare che ciascun partecipante al Gruppo possa continuare ad annotare, sempre utilizzando il proprio software gestionale, le fatture attive insieme a quelle passive sui propri registri iva.
      La invitiamo comunque ad approfondire la tematica con il Suo commercialista.

  2. Salve, i partecipanti al gruppo iva mantengono il codice fiscale e assumono come partita iva la partita iva di gruppo. Che succede allo loro vecchia partita iva? Viene chiusa automaticamente? O rimane sospesa e può essere riattivata una volta che il gruppo iva si scioglie o se il partecipante fuoriesce dal gruppo? Considerando un sistema informativo che gestisce anagrafiche clienti e fornitori ai fini della fatturazione, dove in anagrafica cliente ci sono già un cf e una p.iva, l’attuale campo p.iva deve essere usato per ricevere la p. Iva di gruppo (quindi la vecchia p. Iva viene cancellata) oppure bisogna aprire un altro campo ad hoc per la p.iva di gruppo? Così la vecchia p. Iva può essere riutilizzata…Grazie mille

    • Francesca Manocchi : Marzo 15, 2019 at 12:31 pm

      Buongiorno Valeria, le rispondiamo sotto per punti:
      Salve, i partecipanti al gruppo iva mantengono il codice fiscale e assumono come partita iva la partita iva di gruppo. Che succede allo loro vecchia partita iva? Viene chiusa automaticamente? O rimane sospesa e può essere riattivata una volta che il gruppo iva si scioglie o se il partecipante fuoriesce dal gruppo?
      La partita IVA del gruppo si aggiunge a quella del singolo soggetto. Quindi la partita IVA precedente non cessa e viene riattribuita al soggetto nel caso in cui esca dal gruppo.
      Considerando un sistema informativo che gestisce anagrafiche clienti e fornitori ai fini della fatturazione, dove in anagrafica cliente ci sono già un cf e una p.iva, l’attuale campo p.iva deve essere usato per ricevere la p. Iva di gruppo (quindi la vecchia p. Iva viene cancellata) oppure bisogna aprire un altro campo ad hoc per la p.iva di gruppo? Così la vecchia p. Iva può essere riutilizzata…
      La cosa migliore sarebbe gestire il campo della partita IVA per data in modo che si tenga la storia della partita iva valida nei diversi periodi e anche le stampe contabili scendano correttamente. Laddove il sistema informativo non preveda questa possibilità suggerirei di sovrascrivere la vecchia p.iva con il nuovo codice del gruppo.

      Saremo felici di rispondere ad altre domande.

  3. Salve, un soggetto membro di un Gruppo Iva dovrà fatturare indicando la partita iva del Gruppo e il proprio codice fiscale (che sarebbe la sua vecchia partita iva), ma la fattura come deve essere intestata?? con la ragione sociale della singola società (membro del gruppo) o con la denominazione del Gruppo IVA?? Nella normativa di riferimento non sono riuscita a trovare nulla in merito, si parla solo dell’obbligo della partita iva di gruppo e del codice fiscale del singolo membro. Grazie mille in anticipo!

    • Francesca Manocchi : Aprile 8, 2019 at 3:37 pm

      Buongiorno,
      la fattura dovrà sempre essere intestata con la ragione sociale dell’azienda che effettua la cessione. La normativa che disciplina il Gruppo Iva non ha, infatti, modificato l’ART. 21 DPR 633/72 che relativamente al punto 2 c indica che nella fattura deve essere riportata la ragione sociale del soggetto cedente. L’azienda che aderisce al Gruppo Iva non perde rilevanza giuridica ma semplicemente acquisisce una nuova partita IVA.
      Rimaniamo a sua disposizione per ulteriori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *