La Lombardia e il bando Safe Working – Io Riapro Sicuro

bando-safe-working

Il nuovo bando della Regione Lombardia per favorire la riapertura in sicurezza nella Fase 2, si chiama Bando Safe Working – Io Riapro Sicuro ed ha una disponibilità complessiva di 16,6 milioni di euro.

Il bando Safe Working – Io Riapro Sicuro è rivolto a:
  • settori del commercio al dettaglio
  • pubblici esercizi (bar e ristoranti)
  • settore dell’artigianato
  • manifatturiero
  • settore dell’edilizia

aventi sede operativa o unità locale in Lombardia. Non sono comprese le aziende che hanno proseguito l’attività e quelle che hanno deciso di introdurre il lavoro agile per tutti i dipendenti.

Il bando prevede la concessione di un contributo a fondo perduto fino al 60% delle spese ammesse per le piccole imprese e fino al 70% delle spese per le micro imprese. Il contributo e’ concesso nel limite minimo di 2.000 euro e in quello massimo di 25.000 euro.

Le spese sono ammissibili a far data dal 22 marzo 2020 e riguardano interventi di messa in sicurezza sanitaria, fra i quali:

  • attrezzature per la sanificazione degli ambienti aziendali
  • apparecchi di purificazione dell’aria e all’impianto di aerazione per il miglioramento della sicurezza sanitaria
  • interventi strutturali per il distanziamento sociale all’interno degli ambienti
  • arredi finalizzati al distanziamento sociale all’interno e all’esterno dei locali d’esercizio (separé, dehors ecc.)
  • strumenti atti a misurare la temperatura corporea a distanza e termoscanner
  • attrezzature di igienizzazione per le persone e per i prodotti oggetto del commercio
  • dispositivi di protezione individuale, come ad esempio mascherine, guanti, occhiali, tute, cuffie, camici ecc.
  • strumenti di comunicazione e informazione (cartellonistica, segnaletica);
  • costi per tamponi per il personale dipendente o altri strumenti suggeriti dal medico competente in conformità alle indicazioni dell’Autorità Sanitaria
  • strumenti per il monitoraggio e controllo dell’affollamento dei locali
  • spese di formazione sulla sicurezza sanitaria, sulle prescrizioni e sui protocolli da adottare nell’ambito dell’esercizio di attività

Per maggiori informazioni sul bando visita la pagina dedicata della Regione Lombardia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *