Decreto Legge “Liquidità”: sostegno alle imprese con sospensione dei versamenti fiscali

decreto-legge-liquidita-covid-19

Il 9 aprile 2020 è entrato ufficialmente in vigore il Decreto Legge “Liquidità”, un’altra delle misure varate dal Governo per sostenere le imprese in questo momento di stallo.
Il decreto contiene misure volte al contenimento degli effetti del blocco di molte attività per il sostegno della liquidità delle imprese, da cui il decreto stesso prende il nome.
Sono infatti introdotte misure specifiche in materia di accesso al credito e proroghe per i termini amministrativi.
In particolare, il decreto prevede la sospensione dei versamenti fiscali e contributivi in scadenza per tutte le imprese che hanno subito una drastica diminuzione del fatturato.

Vediamo i punti salienti contenuti nel nuovo decreto.

Sospensione dei versamenti fiscali e contributivi in scadenza per aprile e maggio

Sono sospesi per le imprese e i professionisti i versamenti in scadenza ad aprile e maggio 2020 relativamente a:

  • ritenute sui redditi del lavoro dipendente
  • imposta sul valore aggiunto
  • contributi di previdenza e assistenza
  • premi per assicurazione obbligatoria

Per poterne usufruire, le imprese devono aver subito per i mesi di marzo e aprile 2020 una riduzione del fatturato, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, almeno del 33% per le attività con sede nelle province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e Piacenza o del 50% per tutte le altre zone del territorio.
Possono usufruirne anche le attività intraprese dopo il 31 marzo 2019 e gli enti non commerciali.
Il nuovo termine entro cui effettuare i versamenti è previsto per il 30 giugno 2020.

Proroga per la certificazione unica

La data di scadenza per l’invio della Certificazione Unica è stata rinviata al 30 aprile 2020.
Non saranno quindi applicate sanzioni se la trasmissione telematica delle Certificazioni Uniche per lavoratori dipendenti e altri soggetti interessati all’Agenzia delle Entrate avverrà entro il 30 aprile 2020.

Remissione in termini delle scadenza fiscali marzo 2020

I versamenti con scadenza iniziale al 16 marzo 2020, poi prorogata al 20 marzo attravero il decreto Cura Italia, possono essere effettuati senza incorrere in sanzioni antro il 16 aprile 2020.

Proroga della sospensione delle ritenute d’acconto per i professionisti

Per i redditi da lavoro autonomo con compensi non superiori a 400.000 euro nel periodo di imposta 2019, è stata indetta una proroga anche per le scadenze del mese di aprile per le ritenute d’acconto.

Imposta di bollo per la fatturazione elettronica

Il decreto prevede una proroga per i termini di versamento del bollo per le fatture elettroniche per i casi in cui il progressivo sia inferiore ai 250 euro. Per ogni trimestre, il versamento potrà essere prorogato al trimestre successivo fino all’ultimo trimestre dell’anno in corso.

Per conoscere nel dettaglio le modalità per usufruire delle agevolazioni e le altre misure varate, consulta il decreto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *