Settore ICT motore per la ripartenza, ma le aziende sono in sofferenza. L’indagine Assintel

settore-ict-assintel-covid-19

L’emergenza sanitaria per il Coronavirus ha imposto per quasi tutte le aziende italiane una situazione di stallo.
Molte, fortunatamente, sono riuscite a non fermarsi del tutto grazie alla pratica dello smart working, che grazie alle nuove tecnologie digitali consente alle persone di poter continuare a lavorare da casa propria attraverso il pc e una connessione internet.
Ma nonostante ciò, il calo di tutte le attività è inevitabile.
Assintel, l’Associazione Nazionale delle Imprese del settore ICT , ha effettuato un sondaggio che mostra la situazione attuale delle aziende del settore.

Le imprese associate hanno reagito all’improvvisa situazione di emergenza con diversi strumenti, tra cui appunto l’attivazione dello smet working ma anche attraverso investimenti sulla ricerca e lo sviluppo e sull’accelerazione della digitalizzazione.
Dal sondaggio emerge infatti che almeno la metà delle aziende associate abbiano attivato il lavoro da remoto e che circa un quarto stia investendo in ambito Research&Development.
Ma se la situazione di blocco si prolungherà, è previsto un impatto significativo per le imprese: l’80% delle aziende del settore potrebbe infatti subire pesantemente i risvolti negativi di questo stallo che potrebbe compromettere in maniera severa questo e altri settori.

Il 47%delle aziende associate ha infatti già registrato diminuzioni significative, intorno al 10%, del proprio fatturato.
Ma sono le previsioni a preoccupare: se lo stallo si prolungasse ulteriormente durante il corso dell’anno, Assintel stima che il 60% delle imprese potrebbero vedere ridotto il proprio fatturato fino al 50% e il 17% delle aziende ptrebbe subire un calo anche maggiore.
Come vedere quindi un’opportunità di ripresa? Le opportunità di vedere ripartire l’attività delle aziende italiane risiede tutta nelle misure di contrasto alla diffusione del Coronavirus. Quando i contagi subiranno finalmente una battuta d’arresto, le attività portranno finalmte ripartire.
A potersi muovere per prime saranno sicuramente le imprese, per cui è importante avere fiducia nella riuscita delle misure di contenimento del contagio prese dal Governo. In questo senso, un segnale positivo c’è già: i contagi negli ultimi giorni sono in calo. Bisognerà dunque pazientare affinchè si raggiungano il prima possibile gli effetti sperati.

Il Governo, nel frattempo, ha varato diverse misure a sostegno di tutte le imprese, attraverso il decreto Cura-Italia e altri provvedimenti. A questo proposito, all’interno del nostro sito abbiamo creato una pagina di raccolta di tutte le informazioni e le notizie utili per le imprese in questo periodo.  Altro aspetto positivo per le aziende del settore ICT in particolare è il fatto che proprio questo settore sarà cruciale per la ripresa economica dopo questo momento di stallo, perchè le nuove tecnologie digitali potranno essere utili anche durante la ripartenza.

Per approfondire il sondaggio svolto da Assintel, clicca qui.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *