10 curiosità sul Cloud nel 2019

cloud-nel-2019
Le previsione sul cloud nel 2019 lo vedono in forte espansione. Ha avuto una crescita sorprendente lo scorso anno e si prevede che raggiungerà un record nei prossimi anni.

Al giorno d’oggi è quasi impossibile  trovare un’azienda che non si affidi, almeno in parte, ai servizi cloud, inteso come software applicativo, sistemi operativi, database, ecc.

Girovagando in rete e parlando con i nostri specialisti, abbiamo raccolto una serie di informazioni interessanti e curiose sullo stato del cloud nel 2019.

1.Il 90% delle aziende è nel cloud

Inoltre, gli esperti affermano che il 60% dei carichi di lavoro sarà eseguito su un servizio cloud nel 2019, contro il 45% dei carichi di lavoro nel 2018.

2.I data center cloud elaboreranno il 94% dei carichi di lavoro nel 2021

Arriverà quindi il momento in cui i datacenter tradizionali saranno obsoleti.

3.Il mercato globale del cloud computing dovrebbe raggiungere $ 623,3 miliardi entro il 2023

Nel 2018, le dimensioni del mercato erano state valutate $ 272 miliardi.

4.Il business è gestito per il 38% su cloud pubblico e per il 41% su cloud privato

Le piccole e medie imprese preferiscono utilizzare un cloud pubblico, anziché soluzioni private probabilmente più costose.

5.L’89% delle aziende utilizza il software come servizio (Saas)

Sebbene gli altri modelli di distribuzione del cloud stiano guadagnando costantemente più terreno, SaaS è ancora il più comune. Secondo le statistiche del cloud computing , quattro aziende su cinque utilizzano IaaS (Infrastructure as a Service) e quasi due terzi (61%) utilizzano PaaS (Platform as a service).

6.La possibilità di accedere ai dati da qualsiasi luogo è il motivo principale per l’adozione del cloud

I nuovi modi di lavorare, come l’orario flessibile e il telelavoro, fanno scegliere il cloud alle aziende per la possibilità di poter accedere alle informazioni da qualsiasi luogo ci si trovi. Gli altri motivi sono: disaster recovery, flessibilità, alleggerimento del lavoro del personale IT.

7.Il cloud  ibrido è adottato al 58%

8.I servizi professionali rappresentano il 12,2% della spesa cloud globale

9.Privacy e sicurezza bloccano l’adozione del cloud

10.I carichi di lavoro IaaS su cloud pubblico subiranno il 60% in meno di incidenti di sicurezza rispetto ai data center tradizionali entro il 2020

L’automazione è la chiave per rimuovere il potenziale relativo all’errore umano. La migrazione al cloud non è un compromesso per la sicurezza, in quanto esso ne beneficia. Gartner prevede che fino al 2022 almeno il 95% degli errori di sicurezza nel cloud sarà causato dalle persone.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *