Generative design: ecco un modo per ottimizzare la progettazione

generative-design

Progettare attraverso direzioni innovative e creative: ci hai mai pensato? In questo articolo vi parleremo di Generative Design, conosciuto anche come lo stadio conclusivo del CAD 3D.

Generative Design: caratteristiche

Nel design generativo il progettista inserisce dei vincoli che vengono poi utilizzati come input per creare come output delle soluzioni progettuali. Grazie agli algoritmi intelligenti del machine learning e della simulazione avanzata, il generative design permette di realizzare opzioni progettuali smart, che il progettista da solo difficilmente potrebbe pensare e creare, e che si adattano facilmente alla soluzione desiderata.  Tale processo ha come conseguenza una significativa diminuzione non solo dei costi e dei tempi di sviluppo, ma anche del consumo di materiali e del peso del prodotto. Esso permette ii produttori di progettare e ingegnerizzare in modo assolutamente innovativo.

Aspetti innovativi del Design generativo

A differenza dei software CAD, che seguivano le indicazioni del progettista e la progettazione iniziava con un sistema FEM, grazie al Generative Design il computer produce delle reali opzioni progettuali in linea con gli specifici obiettivi del designer. Fa questo rispettando gli obiettivi e le regole fissate dal designer (robustezza, dimensioni, stile, peso, costo, coefficiente minimo di sicurezza, materiali, ecc.) e sfruttando poi le potenzialità del cloud computing per creare una serie numerosa di soluzioni progettuali.

Design generativo: i vantaggi

La progettazione classica si è sempre focalizzata sul perfezionamento di una soluzione progettuale, il Generative Design, invece, non si concentra solo sull’ottimizzazione della topologia geometrica.

Con il Generative Design si può:

  • Stimolare la creatività
  • Risparmiare tempo
  • Realizzare geometrie innovative
  • Risparmiare denaro.

Con i software Autodesk Inventor e Fusion 360 è già possibile sfruttare il Autodesk Generative Design. Esso permette infatti ai progettisti di avere a disposizione un elevato numero di opzioni progettuali funzionali e di creare nuove soluzioni attraverso strumenti di fabbricazione additiva come la stampa 3D.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *