Quali sono i Top Trend Retail 2021 e come sfruttarli al meglio

Quali sono i Top Trend Retail 2021 e come sfruttarli al meglio

Il Retail è un settore in continua e sempre più rapida evoluzione.
È plasmato dalle richieste del mercato, dalle esigenze dei consumatori, dall’avvento delle nuove tecnologie. Una tendenza ormai nota è quella che va nella direzione del digitale. Vediamo quali novità apporterà nel 2021 e alcuni consigli su come cavalcare i nuovi trend Retail 2021.

1 – Ridimensionamento dei negozi fisici

Negli ultimi mesi, complice anche la pandemia, si è notevolmente rafforzata la tendenza dello shopping online. Ecco che allora molti Retailers hanno scelto di ridurre il numero dei negozi fisici o comunque di ridurne le dimensioni, contrariamente alla tendenza che qualche anno fa aveva visto fiorire i grandi “flagship store”. Molti brand operano oggi una maggiore differenziazione dell’offerta tra negozi fisici e store online, proponendo negli store categorie di prodotti più selezionate, in alcuni casi con articoli maggiormente di nicchia, lasciando invece all’e-commerce la selezione di prodotti di appannaggio più comune.

💡 Come ottimizzare l’esperienza di acquisto in negozio


Il negozio è un reale punto di contatto tra il brand e i propri clienti: è quindi veicolo dell’immagine del brand e rappresenta un importante luogo di interazione con chi vi entra.
Ecco che, in un contesto di riduzione dello shopping nei negozi fisici, l’ottimizzazione dello store per comunicare con il cliente durante lo shopping e rendere la sua esperienza d’acquisto ancora più gradevole ricopre un’importanza vitale.
In che modo è possibile quindi interagire con il cliente? Oltre alla classica comunicazione verbale affidata agli addetti vendita, all’interno degli store è possibile distribuire e riprodurre filmati video, messaggi pubblicitari e promozionali, musica d’ambiente e altri contenuti multimediali che possono avere diverse funzioni, tra cui:

– Comunicare offerte promozionali
– Supportare il cliente nella ricerca di un prodotto
– Fornire consigli su prodotti correlati
– Rendere l’atmosfera in negozio più familiare e gradevole.


2 – Omnichannel

Lo shopping online è aumentato, ma non si è trasferito totalmente sui siti di e-commerce: permane infatti la tendenza all’omnichannel, ovvero l’abitudine dei consumatori di svolgere un percorso di acquisto utilizzando diversi canali, sia fisici che online, sia desktop che mobile.
La tendenza quindi non è più quella di scegliere tra shopping fisico e shopping online, ma di svolgere un’esperienza di shopping ibrida, che si snoda appunto su diversi canali: ad esempio un consumatore potrà visualizzare un prodotto sui social network, provarlo all’interno di un negozio e poi acquistarlo sul sito internet.

💡 I vantaggi di un e-commerce integrato


Per fare in modo che l’esperienza omnichannel che sia il più possibile fluida tra i diversi canali, esistono oggi dei software appositamente studiati per il settore Retail, come Negoziando, la suite gestionale Retail di smeup, che consentono di integrare l’e-commerce con la gestione degli store fisici.
L’integrazione con il sito di e-commerce consente di gestire in un unico ambiente tutti gli aspetti del processo di vendita a prescindere dal canale di acquisto online o offline.
Il vantaggio per i retailers: informazioni relative a cataloghi, scorte, assortimento dei prodotti, magazzino, delivery, click and collect, promozioni e fidelity card sono gestite in maniera integrata, rendendo molto più agevole la gestione dei processi e consentendo di offrire ai clienti la massima libertà nella scelta dei canali che preferisce.
Il vantaggio per i clienti: l’integrazione dei differenti canali garantisce la massima continuità di esperienza al cliente che non percepirà alcuna differenza tra i diversi canali e potrà articolare la propria esperienza di acquisto a seconda delle proprie preferenze.


3 – Realtà aumentata per provare i prodotti a distanza

Uno dei nodi problematici dello shopping online è quello dell’impossibilità di provare i prodotti prima di acquistarli, punto che rappresenta uno scoglio per gli acquirenti meno esperti, che spesso non arrivano a completare l’acquisto di un prodotto per il timore di doverlo poi restituire. Molti brand, per cercare di ovviare a questo problema, offrono spedizioni veloci e resi gratuiti.
Altre aziende invece puntano sull’ausilio della Realtà Aumentata e dell’Intelligenza Artificiale per consentire ai clienti di visualizzare l’immagine del prodotto come se lo stessero provando fisicamente in negozio.
Come può avvenire tutto ciò?
Semplice: specificando le proprie misure. La realtà aumentata farà il resto, proponendo un’immagine realistica di come un capo vestirà sulla propria figura.

💡 Cos’è esattamente la realtà aumentata?

Per realtà aumentata si intende l’arricchimento della percezione sensoriale umana mediante informazioni, in genere manipolate e convogliate elettronicamente, che non sarebbero percepibili con i cinque sensi.
– V. Di Bari, P. Magrassi
2015 WEEKEND NEL FUTURO, 2005

Gli elementi che “aumentano” la realtà possono essere aggiunti attraverso diverse tipologie di dispositivi, come un computer, un visore, uno smartphone e molti altri, che hanno la funzione di offrire informazioni aggiuntive rispetto alla realtà percepita normalmente.

4 – Mobile, mobile, mobile!

Il mobile sarà sempre più il canale di connessione digitale primario per i consumatori.
Ma vediamo quali sono i principali utilizzi dello smartphone in relazione all’esperienza di shopping:
– per trovare il punto vendita più vicino e controllarne gli orari di apertura
– per fotografare un prodotto e condividerne l’immagine con amici e conoscenti
– per cercare informazioni su un prodotto tramite ricerca testuale o tramite barcode
– per confrontare i prezzi del negozio fisico con quelli dell’e-commerce
– per cercare le recensioni del prodotto pubblicate/lasciate da altri consumatori
– per utilizzare coupon e buoni sconto ricevuti sullo smartphone

Mobile payment 

I dispositivi mobile sono sempre più utilizzati anche per effettuare pagamenti. I clienti hanno sempre più possibilità di scegliere e oggi oltre ai tradizionali metodi, ovvero contanti o carta, possono decidere di pagare con carte contactless, app di pagamento tramite smartphone, portafogli digitali.
I pagamenti diventano quindi senza contatto, più rapidi, più sicuri e favoriscono anche una migliore gestibilità delle presenze nei negozi. Infatti, i dispositivi mobili di pagamento consentono di decongestionare la coda alle casse, istituendo dei punti di pagamento smart separati.

💡 La vendita assistita mobile con POSible


Negoziando, attraverso la funzionalità POSible, consente di gestire il processo di vendita totalmente tramite smartphone, dalla consultazione delle specifiche del prodotto al pagamento e all’emissione dello scontrino digitale, contribuendo a decongestionare l’affluenza per il pagamento alle casse.
Ma non solo: POSible consente di offrire al cliente un’esperienza di acquisto personalizzata grazie alla vendita assistita: un addetto specializzato potrà infatti supportarlo nel processo di acquisto mostrando le specifiche di un prodotto, modelli alternativi, articoli correlati e concludendo poi la vendita direttamente tramite smartphone.


5 – Spedizioni più rapide 

Le aspettative dei consumatori sulle tempistiche delle spedizioni stanno diventando sempre più alte. Oggi i clienti vogliono ricevere i loro ordini il prima possibile, anche a costo di pagare di più per una consegna in giornata o più veloce. Ecco che diventa fondamentale una gestione assolutamente ottimale della logistica per far partire il prima possibile gli ordini ricevuti.

88%
percentuale di consumatori disposta a pagare di più per una consegna più rapida.
(fonte: PwC)

💡 Ottimizzare la gestione del magazzino e della logistica


L’utilizzo di un sistema software appositamente studiato per il settore Retail consente di ottimizzare anche la gestione degli ordini. Una suite gestionale Retail consente infatti una visione d’insieme di giacenze, ordini, trasferimenti merce, spedizioni.
Più efficiente sarà la gestione del magazzino, più rapide saranno le spedizioni e più soddisfatti i clienti.


6 – Social commerce e live streaming shopping 

I canali dello shopping stanno approdando anche sui social network.
Molti brand hanno aperto il proprio canale social e vendono i prodotti direttamente tramite i propri profili, che sono collegati al sito di e-commerce attraverso dei semplici link oppure tramite funzioni specifiche, come ad esempio i pin sulle immagini.
I clienti possono vedere fotografie e video sui prodotti, conoscerne il prezzo, consultarne le specifiche sul sito e acquistarli.
Il live-streaming shopping è un’altra tendenza di shopping digitale, figlia della pandemia, in cui il brand organizza delle sessioni live in cui guida i propri clienti all’interno del negozio per mostrare i propri prodotti, accompagnandoli in un’esperienza virtuale di shopping personalizzato.

Negoziando, la suite gestionale Retail di smeup 


Molto più di un semplice software: una piattaforma gestionale completa per le aziende del settore Retail.
Dalla gestione dei cataloghi all’inventario, dalle giacenze di magazzino all’analisi dei dati di vendita, dalle promozioni alle fidelity card: Negoziando è la suite gestionale Retail che ti consente di gestire tutti i processi tipici del settore, consentendo alla Direzione Aziendale di gestire i punti vendita in completa autonomia, mantenendo sempre una visione globale del business.

Negoziando è adatto per la mia azienda?


Negoziando è adatto a catene di punti vendita di proprietà o in franchising, spacci aziendali, outlet per le aziende di diversi settori.
Scopri di più su www.negoziando.it.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *