La gestione della reputazione come valore aziendale

reputazione-aziendale

Quando si parla di capitale aziendale istintivamente si pensa al valore economico.
Negli ultimi anni invece, il valore delle aziende è cambiato, questo perché sono entrati in gioco diversi fattori immateriali, tra i quali sicuramente c’è la reputazione, risorsa fondamentale da gestire con estrema attenzione perché può determinare il successo o la rovina dell’azienda.

Ogni impresa quindi deve saper gestire e controllare tutti quegli aspetti che potrebbero far variare la propria reputazione, aumentando la fiducia e valorizzando la collaborazione, ma anche puntando sulla creazione di una rete aziendale solida e organizzata in grado di migliorare la propria percezione dall’esterno.

Entrando più nel concreto esiste un elenco di fattori che possono aiutarti a comprendere come viene calcolata la reputazione aziendale:

  • Etica;
  • Personale preparato e motivato;
  • Buone performance finanziarie con prospettive di crescita;
  • Leadership nel mercato o nel settore;
  • Responsabilità verso la società;
  • Soddisfazione del cliente e comunicazione chiara;
  • Qualità alta e riconosciuta;
  • Affidabilità;
  • Appeal emotivo;
  • Organizzazione ben gestita con una chiara visione del futuro

Questi parametri di valutazione provocano effetti positivi o negativi sulla vita aziendale, ecco cosa può succedere nell’uno e nell’altro caso:

EFFETTI POSITIVI

Come facilmente intuibile una buona reputazione ti aiuterà a risultare più affidabile agli occhi dei tuoi stakeholders; inoltre, a parità di prestazioni finanziarie è fondamentale avere un altro punto di forza per vincere la concorrenza.
Senza considerare il fatto che mantenere un alto livello di reputazione ridurrà notevolmente i costi di comunicazione in quanto non si dovrà ricostruire da zero la propria notorietà.

EFFETTI NEGATIVI

Al contrario, una cattiva reputazione può portare diversi problemi come perdite economiche, cessazioni di relazioni con partner e fornitori, deterioramento del valore del brand e conseguente perdita di clienti che come detto in precedenza comporterà un aumento in costi di comunicazione per recuperarli.

Per concludere è importante ricordare che per reputazione non si intende solo quella visibile online, che ricopre comunque una buona parte della valutazione finale, ma anche quella che deriva da conoscenza diretta e persino dalla percezione che un individuo estraneo ha dell’azienda.
L’importante è considerare la reputazione aziendale come un fattore strategico per il valore dell’impresa e prestare attenzione alle conseguenze di ogni azione che si decide di eseguire.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *