Le maggiori tendenze IT per le piccole e medie imprese

tendenze-IT

Uno dei più grandi aspetti che interessa le piccole e medie imprese di oggi ha senza ombra di dubbio a che fare con il processo di digitalizzazione. Questo non ci stupisce, dal momento che la rivoluzione digitale è un processo continuo in cui tutte le realtà aziendali, anche quelle più piccole, sono coinvolte ormai da diversi anni. La capacità di innovare(e innovarsi) costituisce un notevole vantaggio competitivo per ogni azienda, quindi per un imprenditore è quasi un dovere rimanere aggiornato su tutte le novità che riguardano il settore in cui opera. La tua azienda sta sfruttando appieno tutti i nuovi strumenti offerti dal digitale?

Andiamo a vedere quali sono le tendenze IT per le piccole e medie imprese.
Propensione all’utilizzo di software in cloud

I software gestionali sono fondamentali per ogni azienda con delle ambizioni a lungo termine. Ecco spiegato perché la tematica è di così particolare rilevanza. La tendenza delle PMI di oggi è sempre più quella di utilizzare gestionali in cloud computing piuttosto che on server. Questo perché i software in cloud garantiscono flessibilità nel sistema di trasmissione e ricezione delle informazioni: ogni comunicazione può essere letta all’istante da dispositivi e posizioni diverse, non solo sul server aziendale.

Il cloud è fondamentale per chi lavora per progetto, perché aiuta a tenere sotto controllo le risorse economico-finanziarie, e tutte le informazioni relative a costi e previsioni di budget. Il vantaggio del cloud, oltre che nella possibilità di controllo, sta anche nel fatto che permette una decisiva riduzione dei costi di gestione. In più, il software, proprio perché è a tutti gli effetti un luogo virtuale che contiene molto spazio, è in grado di accogliere, ordinare e far comunicare grandi blocchi di informazioni che altrimenti rimarrebbero separati. O che, peggio, nella confusione potrebbero essere persi.

Professionisti e manager sono diventati mobile worker

Quante volte hai risposto al risposto al telefono o mandato una mail dal tuo smartphone, magari mentre eri in attesa di cominciare la riunione con un cliente? Conosciamo già la risposta: molte. Uno dei trend emergenti nel settore IT è proprio quello relativo all’uso di smartphone e tablet connessi alle reti aziendali. Questi dispositivi annullano le distanze fisiche e permettono una comunicazione molto veloce, specie con i dipendenti. In questo modo le emergenze possono essere gestite e risolte tempestivamente.

Bring your own device: sempre più persone al lavoro con i propri dispositivi

Il trend relativo ai mobile worker ci apre la strada per parlare di un’altra tra le tendenze IT , ovvero quella che in forma abbreviata viene chiamata BYOD (bring your own device). Grazie all’approccio BYOD, le aziende possono risparmiare sui costi degli strumenti (computer, telefoni e via dicendo), e aumentare la produttività. Usare il proprio computer, smartphone o tablet equivale a poter lavorare anche e soprattutto fuori dall’ufficio. Anche per i dipendenti, non solo per gli imprenditori. Questa tendenza ha cominciato a manifestarsi già da qualche anno, facendo emergere una criticità che è diventata materia di dibattito: come separare i dati strettamente privati da quelli lavorativi? Nel momento in cui usiamo il nostro computer personale anche per lavoro, non abbiamo una separazione netta tra dati privati e aziendali. Questo è decisamente un problema che necessita di una soluzione.

Sviluppo e rinnovamento dei CRM in funzione della multicanalità

Un consumatore oggi ha la possibilità di acquistare prodotti e servizi attraverso molteplici canali, sia digitali sia tradizionali. Se andiamo ad osservare le dinamiche che regolano gli acquisti online, ci accorgiamo subito che quando vogliamo comprare qualcosa dobbiamo solo decidere come: mobile, tablet o PC? E-commerce o social media? A noi la scelta. Ecco perché si sta puntando ad avere dei sistemi di CRM che siano in grado di profilare i clienti in modo preciso, così da prevederne il comportamento futuro sia per quanto riguarda la navigazione sia per il processo di acquisto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *