Google Cloud Next 2018: Infrastruttura tecnologica – parte 5

spunti-parte-cinque-infrastruttura-tecnologica

Eccoci all’ultima puntata della nostra serie sugli spunti che abbiamo colto partecipando a Google Cloud Next 2018. Oggi parleremo di: Infrastruttura tecnologica.

Nelle altre puntate abbiamo parlato di:

L’ultimo aspetto che voglio trattare, non per importanza, ma perchè meno nuovo, è l’approccio all’infrastruttura tecnologica.

Nell’articolo sull’Infrastructure as code si è introdotto come stia cambiando il mondo della application deployment, in soldoni l’installazione di applicazioni sui server. La procedura creazione di una o più macchine virtuali, l’installazione del sistema operativo, la configurazione di reti e apparati, di policy di sicurezza, di utenti, l’installazione di applicazioni e a loro configurazione viene totalmente affidata al software, rendendola automatizzata, precisa, documentata, controllate e replicabile. L’installazione del prodotto diventa parte del prodotto stesso!

Google, come gli altri player, mette a disposizione tutti i servizi che supportano e migliorano questi strumenti.

Ma ancora più interessanti sono i container, cioè delle macchine virtuali light, che contengono tendenzialmente una sola applicazione e che sono velocissimi, replicabili, occupano pochissime risorse. Grazie ai container ci dimentichiamo anche del sistema operativo.

container-diagram

Google ha realizzato il progetto open source più di successo di sempre: Kubernetes, un motore di container.

Qui entriamo troppo sul tecnico, quindi mi fermo, ma vi basti sapere che questo oggetto, usato ormai da decine di migliaia di aziende, è capace di accorgersi se un container sta funzionando, replicarlo se ha tanto carico, riavviarlo se si blocca. Garantisce quindi disponibilità, bilanciamento di carico e resilienza.

Concludo con questa affermazione:

Hibryd is a reality: nessuna azienda può pensare di avere tutto in cloud, quindi vengono aiutate e stimolate le architetture ibride, tramite strumento di bridging, replica e gateway, VPN e Virtual Private Cloud.


Mauro Sanfilippo

Mauro Sanfilippo
R&D Manager Sme.UP LAB – Gruppo Sme.UP
My LinkedIn Profile


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *