Innovazione: il revamping passa dall’IIoT

Innovazione: il revamping passa dall'IIoT

Il Gruppo Sme.UP sul Giornale di Brescia con il progetto IIoT: non perdetevi le prossime puntate!

Industria 4.0, miraggio o traguardo raggiungibile?

Anche per le aziende più strutturate la scelta del partner che spiana la strada nel percorso di trasformazione è determinante. Il Gruppo Sme.UP accompagna nella trasformazione digitale con le soluzioni software e hardware personalizzate che possono fare anche del revamping una soluzione vincente.

Gli specialisti

Quando si mette mano al portafoglio, uno dei timori più grandi è che il bene acquistato possa perdere in fretta il valore originario oppure possa, in breve tempo, perdere la sua capacità di rappresentare un vantaggio. Nell’era dell’Industria 4.0, la raccolta dei dati dalle macchine di produzione è sicuramente uno degli argomenti centrali assieme alla famigerata interconnessione. Questo, in poche parole, vuole dire che la macchina deve essere in grado di inviare ma anche, e soprattutto, di ricevere informazioni. Pensiamo ad un’isola di lavoro che ci comunica, in tempo reale, su quale commessa sta lavorando, quanta elettricità sta assorbendo, quanti giri il mandrino sta facendo: queste informazioni non indicano solo cosa la macchina sta facendo ma, ancora più importante, ci dicono come lo sta facendo.

«Immaginiamo che tutte queste informazioni siano ricevute dal nostro sistema gestionale per essere storicizzate e analizzate: il loro utilizzo ai fini di analisi è davvero grande- sottolineano Silvano Lancini e Stefano Bosotti, presidente e IIoT Specialist Gruppo Sme.UP -. Pensiamo anche che queste vengano rese disponibili in tempo reale e tramite il Web: con un semplice smartphone saremo in grado di tenere sotto controllo lo stato di lavorazione, l’avanzamento di un ordine fino anche a impostare la macchina per la lavorazione successiva».

L’esperienza

A questo punto potrebbero venire in mente cose del tipo: scambiare dati è fondamentale e necessario, ma le mie macchine sono troppo vecchie. Torniamo quindi all’inizio dell’articolo, ovvero alla necessità di tutelare i propri investimenti. Chi ha detto che le nostre “vecchie” macchine non siano in grado di fare tutto ciò?

«Noi di Gruppo Sme.UP abbiamo dimostrato che è possibile dare voce a tutte le macchine con un esercizio pratico. Grazie alla collaborazione con Rexroth abbiamo sensorizzato un tornio degli anni Cinquanta che nulla aveva di elettronico. Il risultato è incredibile: un vecchio tornio, dimenticato per anni, è diventato uno strumento interconnesso».

Un vero strumento 4.0: «Da questo, infatti, siamo in grado di monitorare e impostare, in tempo reale, i parametri fondamentali di funzionamento. Questa è la competenza che ci porta, ogni giorno, a soddisfare le richieste di tanti clienti che si trovano nelle
stesse condizioni». «Il tornio è funzionante e visionabile presso la nostra sede di Erbusco, alla quale siete tutti invitati per toccare con mano un revamping davvero singolare».

IIoT Giornale di Brescia 15 novembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *