Agrati Group:
un ERP per andare all'estero

Parliamo diAgrati Group


Le soluzioniadottate

Software gestionali - ERP

Tra i grandi nomi dell’industria italiana c’è certamente Agrati, azienda che ha saputo crescere secondo una tradizione meccanica di ricerca, innovazione e cura del Cliente fino a diventare uno dei primi produttori europei di fasteners in grado di servire grandi clienti nel mondo automotive su scala globale e con un fatturato in forte e continua evoluzione.

La storia di Agrati è la storia dell’azienda metalmeccanica italiana, in grado di evolvere dalla dimensione artigianale dei primi anni 40, quando i dipendenti si contavano a vista, alla soglia di impresa in grado di costruire propri brand per sostenere il profilo aziendale rispetto ai grandi produttori di motociclette dell’epoca (rimase famoso il marchio di selleria “Prestigio” mantenuto per quasi quindici anni ai vertici della produzione) fino alla situazione attuale che la vede fornitore e partner di grandi gruppi automobilistici in tutto il mondo, in grado di acquistare aziende leader nel mondo nel campo dei fasteners, di sviluppare una produzione nell’ordine delle centinaia di migliaia di tonnellate, di realizzare una “Università Agrati” per la formazione del personale esistente e dei nuovi assunti e di aprire unità produttive e commerciali in Cina, in Francia così come stipulare rapporti di partnership negli Stati Uniti, per una presenza globale.

La complessità legata alla crescita delle dimensioni come fattore vitale di successo: quando la crescita delle dimensioni aziendali diventa un obbligo legato all’aumento continuo della competenza e del tasso di industrializzazione dei prodotti, la gestione della complessità dei processi produttivi e gestionali è un fattore vitale di competitività. Alla fine degli anni ’90 dello scorso millennio il Gruppo Agrati aveva già raggiunto traguardi importantissimi come la centralizzazione degli acquisti di materie prime a livello globale e il raggiungimento di standard di eccellenza assoluta nei trattamenti termici e delle superfici. Tuttavia le società produttive non erano ancora integrate ed i sistemi informativi esistenti erano di fatto incapaci di adeguarsi facilmente alle dinamiche legate al business.

Settore: Automotive – produzione fasteners

Necessità: con la crescita del gruppo Agrati nel mondo, nasce la necessità di integrare i sistemi informativi delle aziende sparse per il globo.

Soluzione: la scelta di Agrati Group è ricaduta sulla flessibilità del sistema informativo Sme.UP ERP, in quanto questo avrebbe consentito di realizzare scelte allo stesso tempo legate ai processi locali, in grado di realizzare modelli standard da adottare ovunque e capaci di creare un dialogo quotidiano tra sistemi di informazioni gestiti dal nuovo software in un luogo dell’universo Agrati ed altri sistemi completamente diversi nelle altre location.


agrati 2
agrati 3

Software gestionale e rollout all’estero

I dilemmi non risiedevano unicamente nella scelta di quale sistema informativo adottare, con quale modello di sviluppo e partendo da quale processo. Viste le dimensioni del gruppo e la complessità delle scelte in gioco, ogni scelta organizzativa avrebbe avuto una conseguenza sui sistemi informativi e viceversa, in termini di processi di dettaglio ma anche di modello di adozione.

In questo processo, la scelta di ERP di fama internazionale fu soggetta ad un rigoroso processo di analisi e successivamente non posta all’inizio delle priorità in quanto l’adozione del sistema informativo sarebbe stata affrontata nell’ambito di un sistema di gestione più complesso. Il modello analizzato prevedeva dunque la flessibilità integrata di Sme.UP come framework per il Management. Il Gruppo Agrati durante gli anni 2000 decise di attraversare un percorso di integrazione crescente delle società e dei processi che si specchiò progressivamente con le dinamiche dei sistemi informativi e della relazione con il partner Sme.UP.


Il contributo delGruppo Sme.UP



Di fatto l’azienda decise di adottare il modello di sistema informativo proposto da Sme.UP in quanto questo avrebbe consentito di realizzare scelte allo stesso tempo legate ai processi locali, in grado di realizzare modelli standard da adottare ovunque e capaci di creare un dialogo quotidiano tra sistemi di informazioni gestiti dal nuovo software in un luogo dell’universo Agrati ed altri sistemi completamente diversi nelle altre location.

Il processo di cambiamento dei sistemi informativi fu quindi gestito ed è tuttora gestito in maniera molto graduale, dall’adozione dipartimentale del 2006 del sistema di magazzino in Agrati Italia che consentì di aumentare molto il livello della precisione delle transazioni ed una prima integrazione procedurale tra le varie unità produttive, all’implementazione del ciclo attivo nel 2007 in Germania ed in Italia e del ciclo passivo presso le medesime entità, passando attraverso l’integrazione dei cicli e degli ordini di produzione gestiti in maniera particolarmente personalizzata e con un dialogo automatizzato con i processi di Product Data Management e di CAD.


La scelta effettuata consentì di integrare ottimizzando localmente pensando in scala globale. Di fatto il processo di integrazione dei processi delle unità produttive e commerciali in Italia si è spinto ad abbracciare quasi tutte le organizzazioni, fatta eccezione per l’Amministrazione che è oggi oggetto di analisi, pensando ad una necessità di standardizzazione guidata dalla direzione italiana e in grado di essere esportata negli altri paesi. Tuttavia il rollout internazionale è avvenuto sinora con grande cautela sia nei riguardi dei processi aziendali sia nei confronti del Management locale.

La capacità di Agrati di pensare su scala globale, ottimizzando di volta in volta localmente, ha permesso di adottare le soluzioni discusse con Sme.UP confrontandole costantemente con le altre realtà locali e avendo in mente che l’integrazione internazionale potrà essere affrontata a tempo debito avendo adeguatamente sperimentato i modelli implementati in Italia.

In questo senso il modello di implementazione realizzato da Agrati, che ripropone gli stessi dilemmi ad ogni fase dell’integrazione (quali strumenti software, con quali modelli, con quali supporti interni/esterni, eccetera) allo scopo di verificare l’attualità e la rilevanza delle risposte già fornite e li risolve costantemente aggiornando il livello di informazioni sull’ecosistema interno, si è dimostrato un aspetto di eccellenza organizzativa che l’azienda e Sme.UP hanno governato nell’ambito di una relazione allo stesso tempo di partnership e tra Cliente e fornitore.

Le sfide future, che prevedono certamente l’estensione su scala quasi globale dei processi gestiti da Sme.UP, possono dunque essere affrontate con serena riflessione, alla luce della capacità di Agrati di gestire la propria crescita che dura ormai da oltre settanta anni e l’integrazione di competenze e capacità eccellenti come quelle di Sme.UP.

Per avere maggiori informazioni su Agrati Group visita il sito: www.agrati.com